Ravenna e il cinema europeo: Mosaico d’Europa film festival

Torna a Ravenna il festival del cinema europeo “Mosaico d’Europa film festival”, che dal 24 settembre al primo ottobre prossimo proporrà al pubblico ben nove pellicole, provenienti da Inghilterra, Svezia, Romania, Slovenia, Finlandia, Turchia, Spagna e Germania.

Si tratta della quinta edizione di un festival che ha riscosso grande successo e che si vuole proporre come uno degli eventi che sostengono e dimostrano la capacità di Ravenna di proporsi come “Capitale europea della Cultura” per il 2019. Lo scopo di “Mosaico d’Europa film festival”, spiega il suo curatore, Alberto Bucci, è quello di proporre film che hanno già ricevuto dei premi a livello europeo, ma che in Italia non sono ancora stati distribuiti. Questo ovviamente esclude i film italiani che, per definizione, dovrebbero venire distribuiti nel Bel Paese se ricevono dei premi.

Il Festival prevede anche delle rassegne interne, come uno speciale sul “ Taqwacore”, il punk islamico, e un premio alla carriera per Carlo Lizzani, di cui verranno proiettati tre cortometraggi.

Verranno proiettati tre grandi anteprime, “Outrage”, del giapponese Takeshi “Beat” Kitano, “Turin House” dell”ungherese Béla Tarr, e “Film Socialisme” di Jean Luc Godard. Attesissimo anche il documentario sull’artista Banksy, “Exit through the gift dhop”. “Mosaico d’Europa film festival” avrà come presidente onorario un nome come Pupi Avati. Il festival è organizzato dall’ufficio cinema del Comune di Ravenna e dalla Federazione italiana cinema d’essai.

Le proiezioni si terranno al Cinemacity, in via Secondo Bini, 7. L’ingresso alle proiezioni costa 3 euro, si può fare un abbonamento a 10 spettacoli per 20 euro.

Per consultare il programma completo andare sul sito Internet: www.mosaicofilmfest.it.

Leave a Reply