Storia della Fiera di San Gaudenzo a Rimini

La fiera dedicata a San Gaudenzo, di origini medievali, era la fiera dell’attuale Borgo San Giovanni, in quanto l’antica abbazia dedicata al patrono della città si trovava appena fuori dal borgo.

A differenza della fiera di San Giuliano, che si tenne fino ai primi decenni del XVII secolo, la fiera di San Gaudenzo aveva iniziato a manifestare i primi segni di cedimento già nella seconda metà del Cinquecento.
Come riferiva nel ’600 Cesare Clementini, la fiera di San Gaudenzo si teneva tra l’arco d’Augusto e l’arco in pietra eretto nel 1509 in onore di papa Giulio II, posto alla fine dell’odierna via XX Settembre, all’incrocio con via Tripoli, poi demolito nel 1786, in seguito al terremoto.

Fino agli inizi del ’500 la fiera di San Gaudenzo veniva svolta durante il mese di ottobre, essendo il 14 la festa del patrono, ma nel 1511 fu deciso di anticiparne la data.
La manifestazione fu inoltre prolungata fino a tutto il mese di novembre da una delibera del consiglio comunale, allo scopo di poter attirare un numero maggiore di mercanti. La fiera di San Gaudenzo fu svolta con continuità nei secoli XV e XVI, ma dal 1568 non se ne ha più notizia, stando almeno alle capitolazioni d’appalto delle condotte, cioè le tariffe per gli affitti degli spazi espositivi.

Leave a Reply