La preziosa lacrima: apre la stagione concertistica del Teatro Rossini di Pesaro

Venerdì 18 novembre scorso si è aperta ufficialmente la stagione concertistica del Teatro Rossini di Pesaro. Si tratta della cinquantaduesima stagione ed è promossa dall’Ente Teatri e dal Comune di Pesaro.

Quest’anno la rassegna ha come titolo “La Preziosa Lacrima” ed è dedicata al sentimento di profonda commozione che la musica può creare. La nuova stagione è stata presentata da Guidumberto Chiocci, presidente dell’Ente Concerti, e da Gloriana Gambini, assessore alla Cultura del Comune di Pesaro.

La stagione del Teatro Rossini prevede, quest’anno, un cartellone di 16 concerti che spaziano dalla musica classica alla contemporanea, passando dal jazz e dalla musica etnica. Il primo concerto in calendario sarà quello di Antonio Pace,accompagnato dall’Orchestra Filarmonica Marchigiana; seguirà, il 30 novembre, un concerto di Uto Ughi. Il 2012 si aprirà il 4 gennaio con la Budapest Mav Symphony Orchestra guidata da Federico Mondelci, direttore artistico dell’Ente Concerti, mentre l’8 gennaio si passerà dalla musica alla danza con “la Bella Addormentata” eseguita dal Balletto di Mosca.

Il 14 aprile appuntamento internazionale con il pianista Daniil Trifonov, mentre il 5 febbraio si passa al jazz con la musica di Danilo Rea. Dal jazz al tango, invece, il 10 marzo, con un’esibizione di Fabrizio Bosso (tromba) e del sassofonista Javier Girotto. Si tornerà al jazz con la chiusura della stagione, il 19 maggio, con un concerto del pianista Roberto Gatto. Fuori cartellone ci saranno due concerti: uno promosso da Rotary Club, “Note di speranza”, e un concerto “Musica per i diritti umani” con la partecipazione delle scuole della città.

Per informazioni sui abbonamenti e biglietti chiamare il botteghino del Teatro allo 0721.387621 o contattare l’Ente concerti allo 0721.32482.

Leave a Reply

  

  

  

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.