Romagna: Lòm a Merz, tra febbraio e marzo le feste dei fuochi

In tutta la Romagna negli ultimi anni sono rinate molte tradizioni legate alla cultura contadina e popolare che si erano perse con il tempo. Una tra le ultime, che sta attirando molti giovani e anche diversi turisti è quella dei fuochi magici, i “Lòm a Merz” (i lumi di marzo).

Dal 27 febbraio al 3 marzo prossimi in molti paesini dell’entroterra si terranno serate a tema per celebrare questa antica tradizione, tipica delle aie contadine: “Le feste del fuoco: appena cala l’ombra della sera”. Sono previsti eventi a Ferrara, Bologna Ravenna, Forlì, Casola Valsenio, Faenza, Gambellara, San Pietro in Campiano, Bagnacavallo, Brisighella, Sant’Alberto, Savarna, Riolo Terme, Russi e Modigliana.

Verranno accesi grandi falò intorno ai quali i partecipanti condivideranno una serata, uno spettacolo, un concerto o una discussione. Sono previste serate con balli e cene a tema, con prodotti tipici della tradizione romagnola. “Le feste del fuoco: appena cala l’ombra della sera” prevedono anche la partecipazione di scrittore, cuochi, artigiani e intellettuali, tra cui Giuseppe Bellosi, Alfredo Antonaros. Claudia Apuzzo, Lucia Baldini, Giuseppe Neri, Enrico Gurioli, Alessandro Molinari Pradelli e Beppe Sangiorgi. Tra le associazioni che hanno aderito per il momento ricordiamo la “Friedrick Schurr” per la valorizzazione del dialetto romagnolo, il Parco del Delta, lo Slow Food, il Museo delle Valli di Argenta, i pescatori di Cesenatico e l’Accademia Italiana della Cucina.

Gustando del vino tipico e riscoprendo i valori di una volta di parlerà in dialetto, si scopriranno gli antichi mestieri e si passerà una serata intorno al fuoco.

Leave a Reply