L’Emilia-Romagna si promuove in India

L’Emilia-Romagna ha deciso di lanciarsi sul mercato indiano. Come? Attraverso un progetto specifico, “Progetto India”, promosso da Unioncamere Emilia-Romagna, sistema camerale regionale e Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Camera di Commercio Indo-Italiana di Mumbay. La Regione ha, infatti, accettato di finanziare questo progetto per il 50% del totale, usando i fondi del programma pluriennale Bricst.

Come si comincia? Grazie a “Progetto India” sono già in programma tre giornata che serviranno alle imprese emiliano-romagnole per conoscere e farsi conoscere da 12 operatori in arrivo dall’India. I settori interessati sono cinque: meccanica strumentale, ambiente e energie rinnovabili (settore sul quale la regione sta spingendo molto negli ultimi anni), edilizia e costruzione e tecnologie per il settore agroalimentare.

Il primo incontro si terrà il prossimo 19 marzo (lunedì) a Parma, seguirà mercoledì 21 marzo a Bologna e si concluderà il 22 marzo (giovedì) a Forlì. Questi incotri arrivano dopo una serie di appuntamenti che le nostre aziende hanno già tenuto in India nello scorso dicembre a Mumbai, Chandigarh, Bangalore e Delhi.

Il programma pluriennale Bricst è un piano regionale attivato per il periodo 2011-2013 che mira a promuovere la regione Emilia-Romagna in diversi paesi esteri a economia emergente e in settori diversi. Lo scopo è quello di aumentare le esportazioni regionali e fare dell’Emilia-Romagna un punto di incontro dell’economia internazionale. I settori sui quali si è deciso di puntare sono, in particolare il design, la green economy e l’eno-gastronomia. Bricst è un acronimo per Brasile, Russia, India, Cina Sud Africa e Turchia.

Leave a Reply

  

  

  

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.